Rai, Celentano mantiene promesse col provocatorio "Rockpolitik"

Rai, Celentano mantiene promesse col provocatorio "Rockpolitik"

MILANO - Pietra dello scandalo da giorni, con polemiche culminate con l'ipotesi di "autospensione" del direttore di Raiuno Fabrizio Del Noce, che ha lamentato di non aver potuto esercitare controllo sulla trasmissione, è andato in onda stasera su Raiuno "Rockpolitick", l'atteso programma di Adriano Celentano. Un condensato di motivi tipici del cantante attore, ispirati ad un populismo votato alla ricerca di una "genuinità", identificata col rock, contrapposto al "lento".
E' stata la libertà di stampa il "tema forte" della serata, che ha avuto ospite d'onore l'attore francese Gerard Depardieu. Tre banchi vuoti hanno ricordato l'invito a partecipare rivolto dal cantante al giornalista Enzo Biagi ed agli attori Daniele Luttazzi e Beppe Grillo. Tutti e tre hanno declinato l'invito, motivandolo con controversie in corso con la Rai. Presente invece Michele Santoro, conduttore televisivo che ha dato le dimissioni dalla carica di europarlamentare per tornare in video. Proprio Santoro, con Biagi e Luttazzi, era scomparso dalla tv pubblica dopo che nel 2002 il capo del Governo Silvio Berlusconi in un discorso pronunciato in Bulgaria, aveva accusato i tre di aver fatto un "uso criminoso" della tv pubblica (a sua sfavore) prima delle elezioni da lui vinte l'anno prima. Sulla libertà di stampa Celentano si è soffermato, facendo scorrere su uno schermo la graduatoria in materia stilata da Freedom House che riconosce all'Italia solo il 77° posto ed una qualifica di "libertà parziale". A fianco di Celentano, Luisa Ranieri, protagonista di un duetto col Molleggiato. Antonio Cornacchione poi ha riproposto la sua caricatura di uno sfegatato ammiratore del premier, controbilanciato da Maurizio Crozza che con un'esilarante parodia spagnoleggiante ha beffeggiato uno per uno i leader del centrosinistra, lamentando la mancanza di un personaggio carismatico come il premier iberico Jose Luis Rodriguez Zapatero. Di Crozza forse la miglior batutta della serata, quando ha definito Celentano "un cantante degli anni Sessanta, che si veste come negli anni Settanta, e di anni invece ne ha ottanta". Celentano dal canto suo non ha rinunciato ai suoi cavalli di battaglia: la pace, con consueti montaggi di immagini forti, e l'ecologia, con sparate contro quanti "hanno firmato il disastro ecologico dell'Italia", proponendo un originale ricostruzione di computer grafica di una Milano virtuale, senza auto e tutta navigli. Tra Prodi e Berlusconi, ha detto Celentano "farò il tifo per chi dei due si avvicini a questo sogno...ci vuole solo un pizzico di coraggio bisogna cominciare ad abbattere le cose brutte... non possiamo comunicare immezzo a quel cemento...". Celentano ha poi espresso un grazie alla Rai, "perchè uno spettacolo così forse a Mediaset non si potrà mai fare". Realizzato assieme ad un pool di autori doc, tra i quali Vincenzo Cerami, Diego Cugia e Carlo Freccero, Celentano ha firmato anche la regia del programma, in cui compare come "amichevole collaborazione" quella del regista Paolo Beldí. Di Gaetano Castelli l'impegnativa scenografia, un paesaggio con case, negozi ma anche macerie, e sullo sfondo un gigantesco schermo sul quale si sono alternate immagini.
Fonte:

Articoli correlati

News

Anna calvi | "you're not ...

13/11/2019 | luigirizzo

Anna calvi condivide “you're not god” uno degli inediti scritti per l'ultima stagione della serie su bbc one peaky blinders. “you're not god” è tratto da...

News

Marracash conquista milan...

13/11/2019 | luigirizzo

Marracash  il king del rap conquista milano!in meno di 48 oresold out le date del 3 e 4 aprile al forumarriva la terza e nuova datail 18 aprile al mediolanum forum di mi...

News

Joe bastianich due spetta...

13/11/2019 | luigirizzo

per lui non sono davvero necessarie presentazioni: joe bastianich, the restaurant man, sarà presto sul palcoscenico per presentare le sue new york stories, due sho...

2445150 foto scattate

16369280 messaggi scambiati

710 utenti online

1131 visitatori online