Kesha - "Rainbow"

Kesha - "Rainbow"

E' un disco del tutto nuovo quello appena pubblicato da Kesha: un disco dal titolo colorato, “Rainbow”, disponibile in versione fisica da oggi 25 agosto, per Kemosabe Records/RCA Records. 
Composto da quattordici tracce, questo lavoro segue “Animal” - il disco di debutto di Kesha - dopo sette anni e la porta direttamente al numero 1 della 200 Billboard chart, al secondo posto della iTunes chart in Italia e al primo posto in Canada, nella top five in UK, Australia, Irlanda e Nuova Zelanda e ha messo d'accordo pubblico e critica sulla sua qualità.
La cantante californiana ha ricevuto per il suo nuovo album “Rainbow” 4 stellette su 5 da Rolling Stone Usa che lo ha descritto come “la miglior musica della sua carriera”. Entertainment Weekly ha dato all'album un bell'A e lo ha ribattezzato come un vero “trionfo artistico”. Billboard ha invece parlato di “Praying” come di “una ballata che ti strappa l'anima”. Mentre Consequence of Sound ha scritto, sempre a proposito di “Praying”: “Non ci sono state molte altre canzoni nel recente passato in grado di spiegare il concetto che già la speranza stessa è un trionfo di per sé”.
“Rainbow” si apre con un pezzo quasi unplugged, “Bastards”, che si pone come un inno contro le ingiustizie ed il bullismo (''don't let the bastards get you down''). Incontriamo subito dopo il rock'n'roll e l'energia del primo featuring del disco, “Let 'em Talk”, che Kesha canta assieme ai fenomenali Eagles of Death Metal; seguono la divertente “Woman” (ft. The Dap-Kings Horns) e la riflessiva “Hymn“. Parte con il pianoforte “Praying“, la cui performance live al The Tonight Show starring Jimmy Fallon ha fatto commuovere ed incantare.

 

Torniamo al pop scintillante con “Learn to Let Go“ mentre “Finding You” ha le sembianze di un romantico pezzo chitarra e voce. La tracklist “Rainbow“ si riveste di dolcezza mentre “Hunt You Down” è pregno di un folk rock americano molto classico. Ci sono di nuovo gli Eagles of Death Metal in “Boogie Feet”, divertente e fulmineo.
L'oscurità ci accoglie su “Boots” ed il duetto con Dolly Parton, “Old Flames (Can't Hold a Candle to You)” è inevitabilmente sognante.
“Godzilla” è il racconto di una favola e di un innamoramento, mentre il compito di chiudere il disco è lasciato a “Spaceship”, che mantiene in qualche senso quella sonorità dolce e per certi versi in grado di raccontarci una Kesha tutta nuova. La stessa che con ''Raimbow'' disegna un arcobaleno di melodie e di storie.

 
 

kesha, new album, pop, rainbow, Recensione, sony records

Articoli correlati

Recensioni

Gianni morandi - ‘stase...

29/11/2019 | luigirizzo

Finalmente ieri sera 28 novembre sono riuscito ad andare ad assistere a questo incredibile resident show che gianni morandi sta tenendo da inizio mese al teatro duse di b...

Recensioni

Noi mille volti e una bug...

09/11/2019 | luigirizzo

Se parlassi subito di andrea sasdelli, forse molti di voi avrebbero un vuoto di qualche secondo per associare il nome al volto e alcuni di voi si domanderebbero “chi è...

Recensioni

Sziget festival day 7 - g...

15/08/2019 | luigirizzo

questo, l’ultimo di questa esperienza, è l’unico report che vi consegno in ritardo cari lettori. A parte gli orari improbabili per partire da budapes...

2445150 foto scattate

16399135 messaggi scambiati

688 utenti online

1096 visitatori online