NIGHTGUIDE INTERVISTA COEZ

NIGHTGUIDE INTERVISTA COEZ

Per Coez, all'anagrafe Silvano Albanese, questo è un momento davvero d'oro. Il suo ultimo disco, “Faccio un casino”, pubblicato il 5 maggio 2017, ha avuto un successo stratosferico: è entrato direttamente al terzo posto della classifica (Fimi) dei dischi più venduti in Italia, al primo posto nella classifica dei vinili e ha superato 10 milioni di streaming complessivi su Spotify. Il disco, anticipato dal brano omonimo - scritto da Coez e Niccolò Contessa - è  entrato immediatamente nella playlist top 50, restando per dieci giorni al primo posto della Viral 50 e conquistando il disco d'oro digitale in tre mesi.
Inoltre, il video di “Faccio un casino”, uscito il 27 marzo, ha superato le 2.000.000 visualizzazioni su Youtube. Si tratta di un progetto che l'artista romano ha realizzato con la collaborazione del produttore Sine e di Contessa (I Cani), contenente 12 brani e ben tre featuring provenienti dall'ambiente rap romano (Gemitaiz, Gemello e Lucci). Tra i produttori Ceri, Frenetik  & Orange3, Stabber, Squarta, Ford78 e Sine. 
Coez ci ha concesso un po' del suo tempo, per rispondere alle domande di Leslie Fadlon.
 
 
FACCIO UN CASINO”, uscito a maggio, è entrato direttamente al terzo posto della classifica (Fimi) dei dischi più venduti in Italia, al primo posto nella classifica dei vinili e ha superato 10 milioni di streaming complessivi su Spotify. Come hai vissuto questo successo?
 
Benissimo, sono molto soddisfatto dei risultati ma devo dire che forse un po' me lo sentivo.
Anzi, nelle ultime settimane lo streaming si è affiancato, nelle classifiche, ai conteggi sui cd fisici: io sarei rimasto tra le prime dieci posizioni per tre mesi, adesso invece passo in posizioni diverse, giorno per giorno. Ma del terzo posto in Fimi sono comunque più felice, benché consapevole del fatto che se il disco fosse uscito oggi mi avrebbe portato a posizioni anche più alte.  Ma per mia fortuna non faccio dischi per ottenere primi posti in classifica, quindi sono contento lo stesso.
La cosa che mi sta piacendo parecchio in questo periodo - io abito a Milano ma spesso sono a Roma - è andare in giro e sentire le mie canzoni arrivare dalle macchine, e non dalle radio. E la cosa mi regala un valore aggiunto, perché il mio pubblico non è passivo, è un pubblico che si va a cercare e a sentire i miei pezzi.
 
 
La title track, pubblicata come singolo, è stata scritta a 4 mani con Niccolò Contessa: com'è lavorare con un artista così diverso da te?
 
In realtà con Niccolò Contessa ho scritto  - anche se dico spesso che lui è la parte compositiva e io sono il testo - solo ''Faccio un casino'' e ''La musica non c'è”. Infatti quasi tutto il resto del disco era già pronto, ma dopo aver fatto quei due pezzi con lui ho deciso di rendere tutti i brani maggiormente allineati ed omogenei.
Io e Niccolò siamo diversi ma lui di sicuro ha molte più influenze ''italiane''. E questa cosa mi è piaciuta da subito, essendo una cosa che ho immediatamente sentito e che non avendo mai fatto mi ha molto gasato. Abbiamo alcune cose in comune, benché diversi, alla fine è come se fossimo rimasti in famiglia.
 
Le altre collaborazioni presenti nel disco come nascono (GEMELLO (su Taciturnal), GEMITAIZ (Occhiali scuri), LUCCI (Un sorso d'ipa))?
Questo disco l'ho pensato come un sunto di tutto ciò che abbiamo fatto fino ad oggi, un posto dove inserire tanti amici. Ad esempio Lucci è sempre stato anche un mio socio - vd il periodo Brokenspeakers - ma anche Gemello e Gemitaiz sono in fin dei conti dei miei grandi amici, con cui ho sempre collaborato. Ciò senza contare i produttori: da  Ceri, Frenetik  & Orange3, Stabber, Squarta, Ford78 e Sine. Anche loro sono parte integrante del mio percorso. Ed è così che ho voluto inserire in questo lavoro tutte le persone con cui ho collaborato finora, per creare qualcosa che sapesse di ''consacrazione''.
Le collaborazioni sono nate in maniera spontanea, senza concept o architetture, perché l'idea di base era semplicemente quella di fare belle canzoni.
Ed anche il titolo rimanda a questo: ''Faccio un casino'' si riferisce al disco perché a livello musicale mescola molte cose e fa un caos, ma è anche un titolo che voleva essere di buon auspicio, per “fare un casino'' durante i tour, che è già pieno di numeri.
 
Delle dodici tracce qual è il pezzo che più ha segnato questo periodo?
 
Faccio un casino” è il mio brano preferito in assoluto in questo disco, forse perché tra i lavori più freschi. Sicuramente la gente preferirà un altro pezzo, scritto con Contessa - “La musica non c'è” - ma d'altro canto il disco contiene anche molti bei pezzi rap, che magari non avranno tante visualizzazioni e non susciteranno tanto coinvolgimento ai concerti ma che rendono il lavoro completo. Infatti non bastano le hit. Servono anche pezzi come ''Ciao'', che è meno pop ma che ha dietro una ricerca musicale molto importante.
Ogni pezzo dell'album rappresenta un tassello, non è meno importante degli altri.
 



Dicono di te che sei uno dei più amati e apprezzati del nuovo cantautorato italiano; che ne pensi di questa definizione?
E soprattutto in che genere musicale ti sentiresti più a tuo agio, visto che sei nato dal rap?
 
Nel discorso del ''cantautorato'' mi ci ritrovo, perché scrivo dischi di canzoni da 5-6 anni, anche se il concetto sembra rimandare all'idea (forse sbagliata) che debba ripetersi, anche ai giorni nostri, il vecchio cantautorato. E non mi rivedo tanto in questo, né nel rap, né nell'indie: continuo a fare musica così che ad un certo punto non debba più aver bisogno di etichettare la mia musica. Voglio scrivere sentendomi libero di lavorare su tutti i ritmi che mi possono ispirare, anche perché la Canzone non è un genere, non si lega mai ad un suono preciso ed esisterà sempre un modo nuovo di scriverla, senza che ci siano legami diversi da quelli con il tuo personale linguaggio.
L'obiettivo è quindi farsi seguire dalle persone per il proprio linguaggio, rendendolo unico e originale.
 
Rispetto al tuo primo disco solista, “Figlio di nessuno”, quanto è cambiato?
 
Moltissime cose. Nonostante credo che il mio percorso sia ancora in  partenza, sono contentissimo che questo disco - che secondo me deve essere ancora del tutto scoperto - mi abbia regalato risultati così positivi, quando in passato ai miei album per esplodere servivano almeno 3-4 mesi. E sì, le cose sono cambiate, un po' a tutti i livelli della mia vita.
 
 
Hai fatto molte esperienze live, quale è rimasta più di altra nel tuo cuore?
 
Di quest'ultimo tour sono rimasto molto sorpreso da Torino, dove di solito il numero degli spettatori era un terzo di quello ottenuto in questa occasione. E' stato un live molto. molto bello.
Ovviamente ogni singolo componente della band ha nel cuore il concerto che ha vissuto meglio, perché ognuno percepisce il pubblico in una maniera diversa, come succede al pubblico con le nostre performance.
Ma la cosa che ci rincuora sempre è che finora abbiamo avuto sempre riscontri positivi sui nostri live. E che il giorno dopo il pubblico è soddisfatto: anche quando non ci sentiamo di aver dato il meglio a volte ci rendiamo conto che erano semplicemente delle nostre paranoie.
 
 
Sembra tu abbia un bel rapporto con i fan sui social, ti piace questo mezzo?
 
A me diverte molto. Certo, ci sono dei periodi in cui è meglio disintossicarsi, ma a me piace rispondere e giocare con il pubblico. Voglio abbastanza bene ai mie fan, con cui ho un ottimo rapporto
 
 
Progetti sui palchi per l'estate?
 
Abbiamo tutta l'estate in tour, le cui date sono in costante aggiornamento su www.facciouncasino.com. Si tratta di un sito dedicato al disco, dove potete trovare qualsiasi informazione su video, eventi, concerti legati a questo mondo nato da ''Faccio un casino''.
 
 
 
 
Qui le prossime date del ''Faccio un casino Tour” di Coez:
09/06   Civitella del Tronto (TE) - Onirico Fest
21/07   Città della pieve (PG) - Rock For Life 2017  
23/07   Lecce  - Anfiteatro Romano  
28/07   Catania - Qubba        
03/08   Filago (BG) - Filagosto Festival        
04/08   Treviso - Suoni di Marca       
09/08   Brescia - Festa di Radio Onda d'Urto
13/08   Gizzeria Lido (CZ) - Cool Bay Disco 
15/08   Ferrara - Puedes Summer Night       
18/08   Terracina - Sombrero Beach (DJ SET) - SOLD OUT
20/08   Terracina - Sombrero Beach (DJ SET) - SOLD OUT
26/08   Milano Carroponte     
27/08   Fabrica di Roma (VT) - FDB Festival           
08/09   Arezzo - Warehouse Decibel Festival          
12/09   Cosenza - Be Alternative Festival     
14/09   Reggio Emilia Festareggio    
15/09   Saluzzo (CN) - Aritmia Music Festival
 

coez, faccio un casino tour, indie rap, intervista, roma

Articoli correlati

Interviste

Speciale sziget - nightgu...

13/08/2019 | luigirizzo

  È difficile immaginare la scena pop post-sovietica senza la controversa storia di ivan dorn. nel camerino del backstage dell'europa stage dello sziget festival incont...

Interviste

Speciale sziget - nightgu...

12/08/2019 | luigirizzo

un cerchio disegnato a mano con una linea in alto che introduce un suono che non ti aspetteresti dall'ungheria, cioè troppo accattivante per essere jazz, trop...

Interviste

Nightguide intervista mas...

06/08/2019 | valentina-ceccatelli

massimo di cataldo è musicista, cantautore e produttore: salito alla ribalta con come sei bella, canzone che compie 20 anni proprio quest'anno, torna con dal profondo....

2445150 foto scattate

16308587 messaggi scambiati

934 utenti online

1487 visitatori online