Pascalò

Via Giuseppe Pellegrino, 154, 84019 Vietri Sul Mare SA, - Vietri sul Mare, Salerno

AgriturismoRistorante

Contatti

089763062

Descrizione

Il ristorante “Pascalò”, definito come un “agriturismo del pesce”, è ubicato alla Marina di Vietri, a pochi passi dal mare, in una costruzione tipica del panorama vietrese che un tempo era usata come rimessaggio in cui i pescatori riponevano le proprie reti.
 
Il proprietario e chef, Pasquale Vitale, che gli amici chiamano appunto Pascalò, cerca di fondere nella propria attività, a conduzione familiare, i sapori e la tradizione culinaria tipici campani, e della Costa d'Amalfi soprattutto, con una cucina creativa che ha appreso nel corso delle numerose esperienze professionali fatte in giro per l'Italia e non solo. Pasquale, appena dopo aver ottenuto il diploma presso l'Istituto alberghiero di Salerno, ha infatti lavorato in alcuni dei migliori alberghi situati nelle più prestigiose località turistiche estive ed invernali, tra le quali Porto Cervo, Punta Ala, Positano, Courmayeur, Saint Moritz e Miami, e tante altre ancora. Dal 2006, però, dopo tanti anni di erranza, ha deciso di ritornare a casa e di aprire un suo ristorante, nel quale i clienti possono gustare pietanze che esprimono un perfetto connubio tra la tradizione del posto e quel tocco innovativo che lo chef tenta di infondere in ciascuno dei piatti che prepara.
 
Per Pascalò la cucina è una vera e propria filosofia di vita, che si esprime attraverso un sapiente equilibrio tra pazienza, amore e passione: sono questi tre elementi, abilmente mescolati, a regalare al cliente l'emozione che questi ricerca quando si accomoda nella sala di un ristorante
 
La cucina di mare
Pasquale propone ai suoi ospiti dei ricchi menù, soprattutto a base di pesce, tarati sulle materie prime che il territorio e la stagione mettono a disposizione in modo da offrire loro dei piatti di ottima qualità: alla base della sua cucina ci sono semplicità e sperimentazione, che si uniscono inscindibilmente alle caratteristiche enogastronomiche del luogo.
Lo chef offre ai propri clienti una vasta gamma di pietanze dalle quali si sprigionano aromi e sapori che portano in tavola il mare salernitano e che danno vita ai cosiddetti menù “Mariturismo”, che riescono ad abbinare nel migliore dei modi una qualità inappuntabile e prezzi a misura di tutte le tasche e che si compongono di un antipasto, un primo piatto, un secondo piatto con contorno ed una variegata scelta di dolci, anch'essi rigorosamente di produzione artigianale.
Al ristorante “Pascalò” si possono assaporare gli antichi piatti della tradizione marinara che vengono rivisitati con grande maestria dallo chef il quale decide quali pietanze servire ai suoi ospiti a seconda delle materie prime che i pescatori della costiera gli mettono a disposizione di giorno in giorno.
 
Pasquale consiglia
I piatti che Pasquale porta in tavola riflettono la sua personalità perennemente in bilico tra il radicamento alla tradizione campana e la vena innovativa e creativa.
Da non perdere il tonno scottato con fagioli di Controne su letto di rucola, le alici marinate ed il salmone sale e zucchero. La zuppa di cozze, o il carpaccio di affumicato di mare; Squisita la parmiggiana di melenzane e alici, e tra i primi le linguine all'astice o la sua lasagna di mare. Impareggiabili le polpette di pesce e la sua esclusiva scomposta di limone.
 
La Cantina
Gli aromi, i profumi ed i sapori che si sprigionano dalle specialità preparate vengono esaltati al meglio dai vini autoctoni che vanno a comporre una ricca cantina per soddisfare anche i palati più raffinati.
Tra i vitigni bianchi più utilizzati ci sono sicuramente la Falanghina, di provenienza beneventana, e gli irpini Greco di Tufo e Fiano.
Il primo è un vino versatile, dal caratteristico colore giallo paglierino, e si abbina bene alla cucina di pesce dell'intera Costa amalfitana, soprattutto ai frutti di mare, ma riesce ad esaltare anche i sapori di formaggi e carni bianche. Il Greco di Tufo è un pregiato vino fresco e secco che si accompagna divinamente a piatti a base di crostacei; il Fiano, anch'esso dal colore giallo paglierino, più o meno intenso, è un vino fresco ed intenso che trova ottimi accostamenti con i più raffinati piatti a base di pesce.
Si segnalano inoltre altri due vini, che rientrano anch'essi nelle etichette campane a Denominazione di Origine Controllata, come il Lacryma Christi che, oltre ad essere gustato nella varietà bianca, ideale per accompagnare zuppe di pesce e piatti a base di molluschi e crostacei, può essere reperito anche nella variante rossa o rosata ed accostato ad arrosti di carni rosse, selvaggina e formaggi, e l'Aglianico, dal colore rosso rubino, perfetto sia per pietanze di terra, come un filetto una tagliata o un'entrecôte, ma anche per piatti di mare più corposi come un baccalà in cassuola.
 
I premi
Importante riconoscimento per Pascalò da parte del touring club italiano. Premio Buona Cucina.
Una ulteriore soddisfazione e un ulteriore fiore all'occhiello che ci spinge a tenere sempre elevati i nostri standard di qualità.
Pasquale Vitale si aggiudica il premio Buon Pescato Italiano riservato ai ristoratori

2445150 foto scattate

16319247 messaggi scambiati

701 utenti online

1117 visitatori online