Arcade Fire - Everything Now

Arcade Fire - Everything Now

E' stato pubblicato per Columbia Records il 28 luglio 2017 “Everything Now”,  il nuovo disco degli Arcade Fire, uno dei gruppi più amati al mondo e più stupefacenti dal vivo, appena passati dall'Italia con il loro tour (il 17 luglio a Milano e il 18 a Firenze).
Gli Arcade Fire sono Win Butler, Will Butler, Régine Chassagne, Jeremy Gara, Tim Kingsbury e Richard Reed Parry e questo disco, il quinto nella carriera del gruppo canadese, è prodotto dalla band stessa, da Thomas Bangalter (la metà dei Daft Punk), da Steve Mackey (produttore e bassista dei Pulp), e co-prodotto da Markus Dravs.
Registrato ai Boombox Studios di New Orleans, ai Sonovox Studios di Montreal e al Gang Recording Studio di Parigi, il disco sarà disponibile in versione cd e LP: entrambe avranno una variante con vinile nero (Day) e una con vinile blu (Night). Ce ne sarà anche una con vinile nero e artwork italiano.
Ad anticiparne l'uscita, il 1 Giugno è stato pubblicato il videoclip della title track su youtube(che potete vedere qui sotto). A luglio invece sono stati pubblicati i singoli 'Creature Conmfort' ed 'Electric Blue'. 

 

Il disco prende avvio con 'Everything now(Continued)', un pezzo brevissimo, quasi uno sprazzo di sogno, che si completa con il brano successivo, appunto 'Everything now': il gusto è tipicamente anni '80.
A suon di mani che battono si incontra una canzone psichedelica, 'Signs of life', alieno e intrigante; 'Creature comfort' vola con la sua aspirazione techno-pop raccontando di giovani donne e giovani uomini alla ricerca di avventure memorabili. 'Peter Pan' è dolce e molto pop mentre 'Chemistry' rulla sui tamburelli e su una voglia di ballare improvvisa. 'Infinite content' ed 'Infinite_content' sono  brani emblematici, meno estivi e leggeri di 'Electric Blue' dove palmi di mano continuano a battere e la voce è femminile. 'Good God Damn' è un brano eccitante, tra voce e chitarra elettrica ed un testo interessante.

 

Ci ricorda i Depeche Mode ed i Kraftwerk 'Put your money on me', brano dal titolo emblematico  che si moltiplica di senso quando si comincia a cantare di una gara (''a race for your heart''); 'We don't deserve love' è una ballad romantica ed il cerchio(oltre che il disco) si chiude con il brano che lo fa anche cominciare 'Everything now(Continued)'.
“Everything Now” è un album interessante, colorato, ricco di spunti e di elementi tecnici interessanti, tra elettronica, pop e rock. E' un altro esempio della ricchezza sperimentale che solo gli Arcade Fire riescono a far fruttare in una maniera così tanto pura.


arcade fire, everything now, Recensione

Articoli correlati

Recensioni

Gianni morandi - ‘stase...

29/11/2019 | luigirizzo

Finalmente ieri sera 28 novembre sono riuscito ad andare ad assistere a questo incredibile resident show che gianni morandi sta tenendo da inizio mese al teatro duse di b...

Recensioni

Noi mille volti e una bug...

09/11/2019 | luigirizzo

Se parlassi subito di andrea sasdelli, forse molti di voi avrebbero un vuoto di qualche secondo per associare il nome al volto e alcuni di voi si domanderebbero “chi è...

Recensioni

Sziget festival day 7 - g...

15/08/2019 | luigirizzo

questo, l’ultimo di questa esperienza, è l’unico report che vi consegno in ritardo cari lettori. A parte gli orari improbabili per partire da budapes...

2445150 foto scattate

16399053 messaggi scambiati

688 utenti online

1096 visitatori online