The Script - ''Freedom Child''

The Script - ''Freedom Child''

Pubblicato il primo Settembre 2017 per Columbia Records, “Freedom Child” è il nuovissimo disco dei The Script.
Anticipato dal singolo estivo - nonostante il titolo - “Rain”, questo album si pone sul mercato a tre anni di distanza da “No Sound Without Silence”. The Script sono una delle band di maggior successo al mondo, con oltre 29 milioni di album venduti su scala internazionale, e con hit come “Breakeven” del 2008 o “Hall of Fame” del 2012. Hanno collezionato 3 album multi-platino, tutti piazzati al #1 nel Regno Unito, e hanno conquistato anche un ampio seguito negli Stati Uniti, dove hanno all'attivo 4 singoli certificati platino. I The Script sono anche una delle band più attive dal punto di vista live, avendo venduto oltre 1,4 milioni di biglietti in 203 show come headliner e avendo registrato un sold out in una manciata di minuti al leggendario Croke Park Stadium di Dublino, la loro città. 



“Freedom Child” è un disco le cui registrazioni sono state portate avanti tra Londra e Los Angeles e, per la prima volta, la band ha scelto di collaborare con scrittori e produttori, tutti di prim'ordine, come The Messengers.
 Ancor prima della pubblicazione di questo nuovo lavoro, la band ha dato avvia ad un tour partito il 21 agosto da Dublino.
Il disco si apre con un brano dalle sonorità dance, 'No Man Is An Island' e prosegue con il sopra citato singolo 'Rain' e la romantica 'Arms Open'. I ritmi shakerano su 'Rock The World', un brano utopico ed energico; 'Mad Love' è invece una canzone d'amore rilassata e quasi r'n'b. Stile simile quello di 'Deliverance', però più duro nei toni e nel tema. Domande che si rincorrono e ricerca di senso caratterizzano una canzone rabbiosa, come 'Divided States of America', cui segue la frenetica 'Wonders' e la raggiante 'Love Not Lovers'. Nuove scoperte nascono da 'Eden' mentre 'Makeup' è un brano onirico, a differenza del ritmatissimo 'Written In The Scars'.
A chiudere il disco sono due altri brani forgiati con il pop tipico de The Script: 'Awakening' e 'Freedom Child', che completano un viaggio interessante come quello pensato dai suoi autori per ''Freedom Child''.

 

freedom child, new album, the script

Articoli correlati

Recensioni

Gianni morandi - ‘stase...

29/11/2019 | luigirizzo

Finalmente ieri sera 28 novembre sono riuscito ad andare ad assistere a questo incredibile resident show che gianni morandi sta tenendo da inizio mese al teatro duse di b...

Recensioni

Noi mille volti e una bug...

09/11/2019 | luigirizzo

Se parlassi subito di andrea sasdelli, forse molti di voi avrebbero un vuoto di qualche secondo per associare il nome al volto e alcuni di voi si domanderebbero “chi è...

Recensioni

Sziget festival day 7 - g...

15/08/2019 | luigirizzo

questo, l’ultimo di questa esperienza, è l’unico report che vi consegno in ritardo cari lettori. A parte gli orari improbabili per partire da budapes...

2445150 foto scattate

16438170 messaggi scambiati

529 utenti online

843 visitatori online